Italiani in Germania. Le insidie del sistema scolastico tedesco. Informazioni generali e l’eccezione Berlino.

Italiani in Germania. Le insidie del sistema scolastico tedesco. Informazioni generali e l’eccezione Berlino.
Photo Credit To PDPics

In Germania il sistema scolastico è molto, molto diverso rispetto all’Italia. Intanto è regolato da leggi locali: non vi è un sistema unitario per tutto il Paese. La Repubblica Federale di Germania è costituita infatti da 16 Stati federati, che esercitano una loro sovranità su alcune questioni locali, tra cui l’istruzione. Ogni Stato autonomo (Bundesland) ha quindi la propria peculiare legislazione in materia. Il sistema scolastico è pertanto una delle espressioni del forte federalismo tedesco.  In questo articolo darò delle informazioni di carattere generale, che possano servire da orientamento per i tanti italiani che arrivano, e prenderò in considerazione l’impostazione di base comune ai vari Bundesländer. Essendo la materia così geograficamente eterogenea, è impossibile racchiudere in un articolo tutte le differenze e i diversi sviluppi regionali.                                                                                                            Nella maggioranza degli Stati tedeschi la scuola elementare ha una durata di quattro anni. Dopo, o meglio, già durante il quarto anno, gli insegnanti “consigliano” i genitori in quale scuola superiore continuare a far studiare i propri figli. Si tratta di un consiglio però quasi ovunque vincolante (in tedesco “Empfehlung”). Ai genitori non resta, in genere, che appellarsi alla decisione degli insegnanti, pretendendo una prova, un test neutrale nella scuola superiore da loro scelta, oppure appellandosi allo Schulamt se si ritiene che vi siano state discriminazioni, oppure provare comunque a far inserire i propri figli in una scuola di loro gradimento, tutte eventualità però di difficile riuscita.

Le opzioni dopo la scuola elementare (in tedesco Grundschule) sono fondamentalmente tre:

  1. La Hauptschule, per i bambini meno ” brillanti “: offre un’istruzione più pratica, alla fine della quale (dopo l’esame finale: l’Hauptschulabschluss, nella nona o nella decima classe) si può cominciare l’apprendistato di un mestiere. Negli ultimi tre quattro anni le Hauptschulen sono state abolite in molti Stati tedeschi, sia in seguito ai cattivi risultati degli studi PISA (Programme for International Student Assessment, meglio noto con l’acronimo PISA, è una indagine internazionale promossa dall’OCSE nata con lo scopo di valutare con periodicità triennale il livello di istruzione degli adolescenti dei principali paesi industrializzati), sia a causa della scarsa  frequentazione e della sempre minore attrattività di questi istituti per i genitori.
  2. La Realschule, per gli alunni ritenuti adatti ad un’istruzione di tipo misto: pratica e teorica. Si conclude con un diploma di Realschule (Realschulabschluss) alla fine della classe decima, diploma che però ancora non abilita all’ Università.
  3. E infine l’agognato Gymnasium, ossia il Ginnasio, il nostro Liceo, per gli alunni più bravi, per coloro che hanno una buona media in pagella. Il Gymnasium conduce fino al Diploma di Maturità (Abitur in tedesco) e permette quindi l’iscrizione a tutte le Facoltà Universitarie.

Esistono inoltre da diversi anni le Gesamtschulen, ossia scuole secondarie ” complessive”, in cui confluiscono le tre forme tradizionali di scuola superiore, in cui è possibile iscrivere qualsiasi alunno e in cui la selezione avviene strada facendo all’ interno dello stesso Istituto.

Per una famiglia straniera è quindi fondamentale conoscere il sistema prima di iscrivervi il proprio bambino o ragazzo. Come si può notare, alla sola età di nove anni (nella maggior parte dei Bundesländer) il sistema scolastico in Germania già seleziona e indirizza in una direzione che può condizionare seriamente il futuro dell’alunno. Questo sistema è criticato anche in patria, soprattutto da partiti come la SPD, i Verdi e la Linke. Nella mia personale esperienza a Colonia, citta della Renania-Westfalia, in cui i miei figli hanno frequentato due anni della scuola elementare, ho notato un ricorso frequentissimo a “ripetizioni extra scolastiche” già a partire dalla seconda classe, ripetizioni a cui molti genitori ricorrono proprio per superare l’incombente selezione. I figli di tedeschi, o di famiglie con un livello di istruzione superiore o di buon reddito, hanno quindi molte più possibilità di essere ammessi al Gymnasium e quindi all’ Università rispetto agli altri. Non si tratta pertanto solo di un sistema che discriminerebbe lo “straniero” e quindi coloro con degli ovvii deficit linguistici, ma di una discriminazione più generale nei riguardi delle classi sociali meno abbienti e meno preparate. Inoltre è statisticamente provato che pochissimi tra i bambini classificati all’inizio del percorso scolastico come provenienti da famiglie con un passato di immigrazione, con “Migrationshintergrund”, accedano poi al Ginnasio. Gli italiani e i turchi sono quelli che tradizionalmente hanno più difficoltà ad integrarsi nel sistema scolastico tedesco e rappresentano la categoria, tra gli immigrati, con la peggiore media scolastica. A proposito degli italiani la situazione è storicamente drammatica:

http://www.migration-online.de/beitrag._aWQ9NDI5MA_.html

Interessante notare come negli Stati della ex Germania dell’Ovest la percentuale di immigrati che raggiungono la maturità sia più bassa rispetto agli immigrati residenti negli Stati della ex Germania dell’Est.

L’ eccezione Berlino:
Ma ora passiamo a Berlino (che la lo statuto di città-stato), luogo in cui viviamo e che quindi ci interessa particolarmente. Qui per fortuna la scuola elementare (e quindi il lasso di tempo che i bambini hanno a disposizione per studiare tutti insieme in un percorso comune senza subire una prima selezione) dura sei anni. Quindi la selezione avviene in sesta invece che in quarta. Inoltre nel gennaio del 2010 è stata approvata una riforma significativa che riguarda gli istituti superiori e che supera la tradizionale struttura a tre uscite del sistema scolastico: le Hauptschulen, Realschulen e Gesamtschulen sono state abolite ed accorpate in un unico Istituto Secondario Superiore: la Sekundarschule. La novità è che da ora in avanti sarà possibile anche per i ragazzi che frequentano questi Istituti accedere all’esame di Maturità. Devono mantenere una discreta media scolastica, ma possono arrivarci. L’unica differenza è che ci impiegano un anno in più, studiando complessivamente tredici anni invece di dodici. In alternativa gli alunni di queste Sekundarschulen possono decidere di lasciare la scuola dopo la decima classe superando il BB (Berufsbildungsreife, il vecchio esame della Hauptschule) o la MSA ( Mittlerer Schulabschluss, corrispondente alla prova finale delle Realschulen), e iniziare un apprendistato in qualche azienda. Il Ginnasio invece resta tale e quale, con la differenza che qui gli alunni potranno raggiungere il Diploma di Maturità in appena 12 anni di studio; finiscono quindi un anno prima rispetto agli studenti di un qualsiasi liceo italiano e rispetto ai colleghi della Sekundarschule.

Un discorso a parte meritano le Scuole Europee pubbliche (SESB Europaschulen), scuole bilingue introdotte a Berlino nell’ anno scolastico 1992-1993, frequentate oggi da più di 6000 studenti di diverse nazionalità, tra cui moltissimi nostri connazionali. Questo modello pedagogico viene utilizzato in ben 17 scuole elementari e 13 Istituti Superiori. Me ne occuperò nel prossimo articolo.      

Autore: Barbara Ricci

About The Author

Barbara Ricci

Mi chiamo Barbara, ho 44 anni, sono nata a Roma e frequento la Germania dal ' 98. Sono un' attrice. Ho lavorato sia in Italia che in Germania per diverse produzioni televisive.  Mi sono anche laureata in Lingue ( Francese e Inglese) alla III Università di Roma.  Ho due figli ( Niccolò di 14 e Sophia di 9) che frequentano entrambi scuole italo-tedesche. Mio marito è tedesco (attore anche lui) e insieme abbiamo vissuto prima a Monaco di Baviera, poi a Berlino dal 2005 al 2007, Roma, Colonia, e nel 2011 siano tornati a Berlino. Qui in Germania non ho solamente lavorato come attrice, ho anche saltuariamente esercitato altre professioni, soprattutto di intermediazione tra aziende tedesche e italiane e nell "Assistenza Clienti". Adoro Berlino, oramai fa parte di me, ma in tutti questi anni  ho sempre mantenuto  un legame solido e imprescindibile con la mia città natale, Roma, e con l' Italia.

Related posts

25 Comments

  1. Virginia Rubino

    Grazie Barbara il tuo articolo mi ha chiarito molti dubbi sulle scuole tedesche. Per fine anno voglio trasferirmi a Berlino e avendo una bambina di 5 anni la mia preoccupazione era in primis la scuola .. con le tue info mi hai aiutato tanto…Grazie mille ,un abbraccio da Caserta 🙂

    Reply
  2. Francesca

    Salve! Sono una mamma di due bimbi che, attualmente, frequentano la 3° elementare e la 5° elementare. Per la prossima estate mio maito ed io ci siamo decisi a trasferirci in Germania, vicino Monaco. La mia più grande preoccupazione è l’ inserimento scolastico e sociale dei miei figli e ciò che ho letto in quest’ articolo mi ha illuminata mna non rincuorata. Potete consigliarmi? Cosa fare? Sarà possibile inserirli??? Grazieeee!!!

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Buongiorno, capisco la sua preoccupazione ma i suoi figli sono ancora piccoli e quindi non credo che avranno problemi di inserimento. Le consiglio di rivolgersi con largo anticipo al Consolato Italiano di Monaco di Baviera oppure ad associazioni come i comites http://www.comites-monaco.de/connessioni.html sulla cui pagina trova elenchi di scuole italo-tedesche e a cui può richiedere informazioni in italiano. Cari saluti
      Barbara Ricci

      Reply
  3. Hassania Khzane

    Salve!sono una mamma di 2 bimbi di 9 e 14 anni.io sono trasferita in germania da settembre e ho l intenzione di portarli qua ma ho tanta paura se s integrano bene o no .E vorrei tanto scriverli in una scuola italo tedesco ma non so se la posso trovare qua vicino .io sto a steinfurt borghost vicino münster.la ringrazio se mi da un indirizzo.

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Salve,
      non so se esistano scuole italo-tedesche a Münster e dintorni. Le consiglio di rivolgersi al Consigliato d’Italia di Dortmund (contatti e indirizzo qui sotto) dove le daranno tutte le informazioni a riguardo.
      Cari saluti
      Barbara Ricci

      Consolato d’Italia DORTMUND

      Console: Franco GIORDANI
      Göbenstraße 14
      44135 Dortmund
      Tel.: +49 (0)231 577960
      Fax: +49 (0)231 551379
      E-mail: segreteria.dortmund@esteri.it
      Sito web: http://www.consdortmund.esteri.it

      Orario di apertura:
      Lunedì, martedì, giovedì e venerdì: ore 09.00 – 12.30
      Mercoledì: ore 14.30 – 17.30

      Circoscrizione: i distretti governativi di Münster e Detmold, nonché il distretto governativo di Arnsberg ad eccezione dei circondari di Olpe e Siegen-Wittgenstein.

      Reply
  4. Enza

    Salve sono mamma di tre bambini 8, 12 anni e un neonato di 5 mesi. Con mio marito stiamo valutando di trasferirci a Donaueschingen, il mio dubbio è trovare una scuola per i miei figli, che non conoscono una parola di tedesco,e un pediatra per seguire la crescita del più piccolo di soli 5 mesi
    Li ci sono parenti di mio marito per questo abbiamo scelto questa città.

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Salve signora,
      non avrà problemi a trovare un pediatra per il piccolo di 5 mesi. Se vi trasferite e uno di voi due ha un lavoro, sarete tutti coperti dall’assicurazione sanitaria tedesca. Per quanto riguarda l’inclusione scolastica dei più grandi le consiglio di rivolgersi al Consolato di Stoccarda, capoluogo di Provincia del Land Baden Württemberg. Lì la sapranno consigliare sul modo migliore per far integrare i suoi due figli più grandi. Questo il link della sezione Scuole:

      http://www.consstoccarda.esteri.it/consolato_stoccarda/it/i_servizi/per_i_cittadini/scuole/scuole.html

      Cari saluti e in bocca al lupo

      Reply
  5. davide

    salve io invece io mi sono trasferito in germania da 10 mesi lasciando mia moglie e mio figlio in italia ora lui ha 18 mesi e spero fra poco mi raggiungeranno però mi hanno detto che mi figlio potrà andare a scuola solo dopo tre anni e meszzo dal suo anmeldung possibile???

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Gentile Davide,

      non so da dove abbia avuto questa informazione, ma non è vera. Suo figlio potrà essere iscritto subito dopo la Anmeldung in una scuola materna. Anzi, il fatto che voi due siate entrambi italiani e che in casa parliate solo italiano rende la sua richesta di iscrizione alla materna prioritaria rispetto ad altri bambini di lingua tedesca. In Germania è molto importante che i bambini imparino bene il tedesco prima dell’inizio della scuola elementare. Nel suo caso non ci saranno problemi in quanto vostro figlio è ancora molto piccolo e avrà tutto il tempo per imparare il tedesco alla materna.

      Cari saluti

      Barbara Ricci

      Reply
  6. Federica

    Salve Barbara grazie mille per l’articolo introduttivo! Mio marito partirà a giugno, 4 mesi a Stoccarda per il corso di tedesco e poi Policlinico di Münster. Io e i nostri bambini di 7 e 5 anni lo raggiungeremo a giungo 2019, ho già visto e segnato i numeri del consolato di Dortmund al quale chiederò tutte le informazioni ma lei mi saprebbe dare maggiori consigli….. e rassicurazioni? Spero davvero che questa sia la nostra scelta migliore per loro…. grazie mille!

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Salve Federica, sono certa che i suoi figli riusciranno ad integrarsi dopo un primo periodo di disorientamento. Sono ancora piccoli e impareranno la lingua velocemente. Quindi stia tranquilla. Contatti in ogni caso il Consolato Italiano per ragguagli e consigli in loco. Se poi avesse la possibilità di far fare ai suoi figli dei corsi propedeutici di tedesco già in Italia potrebbe velocizzare ulteriormente il loro inserimento.

      Cari saluti
      Barbara Ricci

      Reply
  7. Isabella Mutti

    Buonasera Barbara
    mi chiamo Isabella, mamma di una bambina di 13 anni . A giugno raggiungiamo mio marito che si trova in Germania già da svariati mesi e precisamente a Siegen (colonia). Volevo chiederti per l’iscrizione scolastica di mia figlia quali documenti necessitano…mi dicono un nulla osta e tutte le pagelle dall”elementari alle medie….

    Reply
    1. Barbara Ricci

      http://www.stadt-koeln.de/service/produkt/schulpflicht-fuer-neu-zugewanderte-kinder-und-jugendliche
      Salve Isabella, secondo il sito istituzionale della città di Colonia (vedi sopra), purtroppo solo in tedesco, per l’iscrizione servono questi documenti:
      -le pagelle di sua figlia,
      -il Certificato di Residenza (“Anmeldebestätigung” in tedesco, da fare subito, appena vi trasferite; è un documento importante che serve per molte pratiche burocratiche in Germania. È semplice, basta andare in uno degli uffici anagrafici del Comune di Residenza portando il contratto di affitto. Si fa in giornata, in poche ore)
      – i documenti di identità di vostra figlia e i vostri.
      Nel caso vostra figlia non abbia conoscenze adeguate della lingua tedesca frequenterebbe all’inizio un corso preparatorio, le cosiddette “Vorbereitungsklassen”, per poi essere integrata nel normale sistema scolastico tedesco.
      Vi consiglio di contattare il Consolato di Colonia con largo anticipo per avere tutte le informazioni in italiano e chiedere magari dell’esistenza o meno di scuole bilingui italo-tedesche in zona:

      https://conscolonia.esteri.it/consolato_colonia/it

      Cari saluti e in bocca al lupo
      Barbara

      Reply
  8. stefania

    ciao ,a giugno devo trasferirmi in germania friedrichsthal in saarland ,ho due bimbi uno di 11 a luglio e uno di 8 volevo sapere che documenti servono per l iscrizione a scuola .grazie.

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Salve Stefania,

      come ho già risposto ad un commento precedente normalmente servono i seguenti documenti: le pagelle di sua figlia, il Certificato di Residenza (“Anmeldebestätigung” in tedesco, da fare subito, appena vi trasferite; è un documento importante che serve per molte pratiche burocratiche in Germania. È semplice, basta andare in uno degli uffici anagrafici del Comune di Residenza portando il contratto di affitto. Si fa in giornata, in poche ore) e i documenti di identità di vostra figlia e i vostri.
      Essendo l’istruzione in Germania una questione federale possono esserci differenze tra “Land” e “Land”, tra regione e regione, ma normalmente sono questi i documenti richiesti. Le consiglio comunque di rivolgersi al Consolato Italiano più vicino.
      Buona fortuna
      Barbara

      Reply
  9. Carmen

    Ciao. Ho visto il tuo articolo e mi è stato di molto aiuto. Peròho una domanda e spero di aiutarmi. A giugno andrò io in germania per lavoro e da settembre verrano anche il il mio marito con i igli che in italia dovbrerebo cominciare la seconda sueriore e la seconda media.la mia domanda è: per inscriverli prima di settembre alle scuoile tedesche (trovato un elenco su web), che documenti servono dal Italia? Se il grande ha inito la prima superiore andra bene andare nella seconda tedesca o meglio riare prima superiore per imparare la lingua (o e anche obligatorio) etc. anche per ilpiccolo che andra in seconda media sara necesario andare in seconda media tedesca o in prima media per imparare tedesco?

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Buongiorno Carmen, per quanto riguarda i documenti normalmente servono i documenti di identità, le pagelle e il certificato di Residenza in Germania (“Anmeldebestätigung” in tedesco). Poi, a seconda del livello di conoscenza del tedesco, sarà la scuola stessa a decidere in quale classe inserirli. Se i suoi figli invece non hanno nessuna conoscenza del tedesco probabilmente dovranno frequentare una classe preparatoria, le cosiddette “Vorbereitungsklassen” e solo in un secondo momento verranno inseriti nel sistema scolastico normale. Ma dipende ovviamente dalla Regione (Land) in cui vi trasferirete. Come si evince anche dal mio articolo, non vi è una legislazione nazionale che regola la politica scolastica in Germania. Però le scuole medie non esistono in nessun “Land”, ma solo le elementari e le superiori. In alcune regioni le elementari durano quattro anni, in altre sei. Le consiglio di mettersi in contatto con il Consolato Italiano più vicino e chiedere loro informazioni a proposito.
      La ringrazio e Le auguro un grande in bocca al lupo!
      Barbara

      Reply
  10. Rosa

    Salve sono Rosa ho mio figlio di 15 anni attualmente frequentia il liceo artistico è al secondo anno lui vorrebbe andare in Germania a seguire i suoi studi Lei gentilmente mi potrebbe dare qualche informazione o dove mi devo indirizzare per avere queste informazioni grazie mille

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Buongiorno Rosa,

      per quanto riguarda il percorso universitario dopo le scuole superiori le segnalo due link:

      http://www.informagiovaniroma.it/estero/approfondimenti/studiare-all-estero/il-sistema-universitario-in-germania

      https://conscolonia.esteri.it/consolato_colonia/it/i_servizi/per_i_cittadini/studi/universita

      Se i corsi sono in lingua tedesca bisogna avere un livello adeguato della lingua per potersi iscrivere (livello B1).
      Ecco un link a proposito delle varie certificazioni di conoscenza del tedesco:
      https://www.sprachenatelier-berlin.de/it/article/4148.esami-e-certificati.html

      Cari saluti

      Barbara

      Reply
      1. Filomena rossi

        Salve mi chiamo Filomena e vorrei un informazione.Siamo già in Germania precisamente a Reihnfelden Baden, mio figlio dovrebbe frequentare il 4 anno di liceo scientifico in Italia , potrei sapere a chi rivolgermi qui in Germania per avere informazioni precise come fare e se può frequentare qui il ginnasium? Grazie.

        Reply
  11. rosa

    salve….. siamo dal venezuela e voglio sapere le scuole publiche di lingua tedesca a italia.
    le bambine fanno adesso 2 è 3 klasse in tedesco è spagnolo.
    grazie

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Buongiorno.
      In Italia ci sono diverse scuole tedesche, per esempio a Roma, Milano e Genova. Le consiglio di rivolgersi al Consolato o all’ Ambasciata Tedesca in Italia.
      Inoltre esistono anche scuole svizzere, per esempio ve ne è una a Roma. Io vivo in Germania e purtroppo non conosco nel dettaglio la realtà di tutti gli istituti germanici in Italia.
      Conosco però abbastanza bene la Scuola Tedesca di Roma. È una buona scuola, segue il programma ministeriale del Land Baden Württemberg, ma è a pagamento, come del resto lo sono tutte le scuole tedesche all’estero. Le lascio il link:
      http://www.dsrom.de
      Buona giornata

      Barbara Ricci

      Reply
  12. ZILAN

    Salve vorrei chiedere delle informazioni io ho una figlia di 16 anni e un figlio di 12 anni dovrei trasferirmi in Germania per motivi di lavoro ma sono molto preoccupata per mia figlia che frequenta la scuola superiore tecnica ma con un indirizzo abbastanza difficile il suo indirizzo è AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING lei ha scelto questo indirizzo per andare a studiare Economia all’ università lei in che scola andrebbe in Germania ? può andare all’ università anche in Germania ? sono più facili le scuole tedesche o italiane ? ci sono in Germania scuole ITALO-TEDESCHE ?
    GRAZIE

    Reply
    1. Barbara Ricci

      Gentilissima,

      sì, vi sono scuole italo-tedesche in Germania, soprattutto nelle grandi città, ma comunque il tedesco bisogna saperlo per poter frequentare la scuola normale. Vengono offerti corsi preparatori a chi arriva senza alcuna conoscenza ma si rischia di perdere un anno scolastico. Le consiglio di rivolgersi al Consolato Italiano più vicino per avere tutte le informazioni relative alle modalità di inserimento e alla presenza o no di scuole bilingui in zona. In Germania non vi è una legislazione nazionale che regola l’istruzione, ma è tutto delegato a livello regionale.
      Per quanto riguarda le scuole italo-tedesche di Berlino la rimando al nostro articolo: http://www.berlinitalypost.com/le-scuole-europee-berlino-unopportunita-tutti/

      Anche per accedere all’Universita è richiesto un livello di tedesco adeguato. Molte scuole private e Università stesse offrono corsi di lingua mirati. In Italia il Goethe Institut potrebbe essere una buona opzione per cominciare a studiare la lingua tedesca.

      Cari saluti e in bocca al lupo!
      Barbara

      Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *