Il sistema universitario tedesco. Una perla d’Europa

Il sistema universitario tedesco. Una perla d’Europa
Photo Credit To svenwerk

Il sistema universitario pubblico tedesco è, a mio avviso, uno dei migliori ed uno dei più democratici al mondo. Perché? Perché la cultura è davvero di tutti e per tutti.

Avendo partecipato anch’essa al Processo di Bologna, volto ad uniformare i sistemi universitari europei, gli studi superiori, anche in Germania, si suddividono in:

  • Corso di laurea triennale, o Bachelor
  • Corso di laurea specialistica, o altrimenti detto Master
  • Dottorato di ricerca, in inglese PhD, in tedesco Promotion

Esistono chiaramente delle eccezioni come nel caso delle Fachhochschule o dei corsi di laurea a ciclo unico della durata di 4-5 anni, che, esattamente come in Italia, prevedono un esame finale (Staatsexamen), e sono di solito la laurea in farmacia, medicina e giurisprudenza.

Come in Italia, l’anno accademico è suddiviso in due semestri, quello invernale e quello estivo, rispettivamente Wintersemester (da ottobre a febbraio) e Sommersemester (da aprile a luglio).

La differenza rispetto all’Italia, in questo caso, è la possibilità che viene data allo studente di potersi iscrivere al corso desiderato sia nel semestre estivo che in quello invernale. Questo fa si che la durata dello studio si conti in semestri e non in anni.

La retta da pagare per ogni semestre è davvero irrisoria se si tengono presenti gli standard italiani; e, compreso in tale prezzo, ogni studente riceve l’abbonamento semestrale ai mezzi di trasporto pubblico, tanti sconti in svariati negozi, perfino al cinema; ma soprattutto, cosa davvero importante, la spesa dei libri è molto bassa se non addirittura nulla.

A differenza dell’Italia, le lezioni universitarie sono suddivise in:

VORLESUNG
Una Vorlesung è come una tipica lezione in un’università Italiana, ossia: una lezione frontale tenuta dal professore della materia in questione. Di solito il numero degli studenti è illimitato e non è prevista interazione tra alunni e professore.

ÜBUNG
Si tratta di solito di corsi incentrati sulla pratica. Essi sono destinati ad un numero limitato di studenti (max. 30/40) e possono essere di due tipologie:

ÜBUNG ABBINATO ALLA VORLESUNG
Il primo tipo di Übung serve ad applicare attivamente la teoria imparata durante la Vorlesung.

ÜBUNG COME CORSO AUTONOMO
Con Übung si intende un corso autonomo, con esame finale. Questa tipologia è molto orientata alla pratica (max. 30/40 studenti). Con l’aiuto del docente, gli studenti svolgono autonomamente temi, compiti o esercizi e, in alcuni casi, li presentano nel corso. Normalmente la frequenza di questi corsi è obbligatoria.

SEMINAR
Non si tratta di una lezione frontale, ma è prevista un’ampia partecipazione da parte degli studenti. Attraverso i seminar lo studente è portato a sviluppare le sue capacità analitiche, di riflessione e di collegamento dei temi trattati. Di solito, all’inizio del corso, il professore fornisce su una piattaforma online tutti i materiali necessari, che gli studenti dovranno leggere, analizzare e commentare, per poi poter partecipare alla discussione in classe. I seminar aprono decisamente la mente e permettono di confrontarsi con i propri colleghi, con i docenti e di stimolare le proprie capacità di dibattito e di migliorare le capacità espressive.

PROSEMINAR
In questi corsi gli studenti lavorano in estrema autonomia e toccano diversi temi importanti all’interno dell’ambito disciplinare. I risultati di questo lavoro vengono in seguito presentati agli altri partecipanti del corso attraverso una presentazione (talvolta supportata da un Power Point). Il voto finale del corso è composto dal voto della presentazione più il voto di una tesina – Hausarbeit o Modularbeit – di circa 5000 parole – 18/20 pagine.

Per quanto riguarda il processo di candidatura che sia per un corso di laurea triennale o specialistico, esso richiede tempo, precisione, buona volontà ed una grande dose di pazienza!

Il primo passo è la scelta del corso di laurea. E’ di fondamentale importanza quindi:

  1. Informarsi quanto più possibile sul sito web dell’università, sul corso, le tematiche, gli esami.
  2. Recarsi in segreteria se si hanno domande per le quali si vuole ricevere una risposta veloce ed esaustiva.
  3. Inviare mail alle persone di riferimento in modo da poter sciogliere tutti i possibili dubbi o incertezze.

Anche nel caso di un corso di laurea in lingua inglese, c’è da tener presente che, nonostante in Germania l’inglese non sia un tabù come in Italia, non tutti lo parlano, soprattutto negli uffici – anche se universitari. Nel caso sia così, è sempre bene portare con se un amico madrelingua o qualcuno che parli bene, in questo caso, tedesco.

Una volta scelto il corso di laurea desiderato, bisogna considerare:

  1. I requisiti e tutti documenti da allegare: se ne siamo in possesso, se dobbiamo ancora richiederli, o se magari sono ben sepolti, nell’ultimo scatolone della soffitta, o all’ultimo piano della torre più altra della vostra dimora italiana. Ricordate! Di regola è necessario inviare gli originali oppure, se sono proprio di buon umore, le fotocopie autenticate.
  2. Nel caso fosse necessario un certificato linguistico che attesti il proprio livello di conoscenza di una determinata lingua, c’è da considerare che, per ottenere i risultati del test, sono necessarie dalle 3 alle 6 settimane. Questo implica un calcolo preciso delle tempistiche, in quanto, una candidatura incompleta, viene immediatamente cestinata.
  3. Controllare le scadenze, i termini ultimi, e fare in modo da non oltrepassarli. Nessuna eccezione viene mai tenuta in considerazione!
  4. Se sono necessarie traduzioni dei documenti originali in lingua tedesca o inglese è possibile cercare sul web un traduttore o rivolgersi all’ambasciata e richiedere la lista dei traduttori giurati.

Quando siamo sicuri di avere tutti i documenti richiesti,  il mio consiglio è sempre quello di effettuare copie degli stessi, e, dopo aver compilato i moduli e aver allegato tutti i documenti, in maniera precisa, senza macchie eventuali di caffé o di ragù della mamma, bensì, quando tutto è davvero “lindo e pinto”, è il momento di inviare tutto con un largo anticipo (un mese sarebbe l’ideale), e assicurarsi che il vostro plico pieno di sudore e di speranza raggiunga la sua meta.

In bocca al lupo!

Ps: tutte le informazioni fornite in questo articolo sono generiche, in quanto, ogni università ed ogni corso di laurea posseggono proprie regole e statuti. Paß auf!

Autore: Alessandra Rago

About The Author

Alessandra Rago

Mi chiamo Alessandra, vengo dalla meravigliosa Napoli e vivo qui a Berlino da 2 anni. Sono un'ex-ballerina, ma la danza fa sempre parte della mia vita. Studio "Anglophone Modernities in Literature and Culture" presso l' Universität Potsdam, adoro la cioccolata, amo cucinare ma anche fare tanto sport. Mi mancano la mamma, il sole, il mare e la pizza ma, in fin dei conti, non c'è nulla che un buon libro e un po' di immaginazione non possano ricostruire e reinventare. Vivo a volte tra le nuvole e mi perdo nei miei pensieri ma al momento giusto so essere determinata e forte. Segni particolari: Non mi arrendo mai!

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *